Vino rosso e frutta di stagione: come fare la sangria

come preparare la sangria

Tra le bevande estive per eccellenza spicca la sangria, un drink rinfrescante di origine spagnola ma ormai diffusissimo anche oltre confine. Ingredienti cardine per una perfetta preparazione sono un buon vino rosso, un’aggiunta di vermouth, brandy, sherry o porto e della frutta di stagione.

Sebbene non esista una vera e propria ricetta originale, trattandosi di una bevanda che ha come prima caratteristica la sperimentazione, è comunque possibile fornire dei consigli e delle dritte per una preparazione ottimale.

In primo luogo è fondamentale la scelta del vino, che deve essere intenso, corposo e non troppo dolce. Un Barbera, un Merlot o un Primitivo di Manduria possono essere la scelta giusta per chi non ha una buona conoscenza dei rossi spagnoli. È consigliabile aggiungere anche un leggero quantitativo di gin per conferire alla bevanda un sapore più deciso.

Vera protagonista della sangria è però la frutta, che deve essere rigorosamente di stagione: spazio quindi a mele, pesche, limoni, arance, lime, lamponi e banane, da sbucciare e tagliare a piccoli pezzetti. La presenza di almeno un agrume, a scelta tra arancia, limone, lime o cedro, è fondamentale e contribuisce a rendere un po’ più aspra una bevanda di per sé dolce. La frutta deve essere al giusto grado di maturazione, per evitare che si riduca in poltiglia.

Tra gli altri trucchi da ricordare, l’uso dei chiodi di garofano che vanno infilzati negli spicchi di mela e l’aggiunta di un piccola quantità di cannella a pezzetti.

Dopo aver tagliato la frutta e aver versato il vino in una caraffa, la frutta e la cannella devono macerare per qualche ora, meglio sarebbe per una nottata intera, insieme con dello zucchero.

È fondamentale, però, ricordarsi di unire gli ingredienti già freddi e di non miscelarli insieme e farli raffreddare solo in un secondo tempo. Dopo aver aggiunto i distillati e gli alcolici prescelti (anche un leggero tocco di rum potrebbe contribuire ad aromatizzare la vostra sangria), diluire con della soda e aggiungere il ghiaccio. Importante è ricordarsi di preparare la bevanda in quantità consistenti, per far sì che la frutta possa macerare nel vino rilasciando sapori e profumi.

Ciò che conta davvero nella preparazione della sangria, oltre alla tempistiche di macerazione, è la scelta della frutta, che deve essere variegata, di qualità e stagionale. Solo così si potrà avere un risultato assicurato e potrete gustare una delle bevande più dissetanti dell’estate, adatta a grigliate e scatenati party serali.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti