Slow Fish: tutto quello che vi siete persi in questa edizione

Si è da poco conclusa la manifestazione Slow Fish, promossa da Slow Food in programma dal 18 al 21 maggio al Porto Antico di Genova. Manifestazione internazionale dedicata al pesce e alle risorse del mare, che ogni due anni fa tappa nel capoluogo ligure.

Tema di questa ottava edizione è  stato “La rete siamo noi”, titolo che vuole sottolineare come questo evento by Slow Food sia riuscito in questi anni a creare un insieme di conoscenze e relazioni stabili tra tutti coloro che amano e vivono il mare: pescatori, cuochi, ricercatori ma anche rappresentanti delle maggiori istituzioni europee e mondiali.

Slow Fish è dedicato a tutti coloro che vogliono saperne di più sul consumo di pesce, sulle conseguenze che la pratica ittica ha sul nostro ecosistema e su come consumare pesce in modo sano e responsabile.

Tra le novità di quest’anno spicca in primis il Fish-à-porter, cucina interna al Mercato presso la quale chef e pescatori racconteranno le loro ricette. Le aree di degustazione si differenziano: la Piazza delle Feste ospiterà i migliori pizzaioli italiani che hanno fatto gustare ai partecipanti le loro prelibatezze, accompagnate da vini selezionati e drink preparati con cura; la Piazza Birra e Cucine ha ospitato invece le migliori birre italiane e gli stand e track di street food. Durante la manifestazione non sono mancati incontri informativi, conferenze e i ben noti Master of Food su cibo e salute.

Ecco un breve sunto degli appuntamenti in programma per quest’anno; giovedì 18 il workshop organizzato dallo stand della Regione Liguria con laboratori di preparazione del pesto e il laboratorio del Consorzio Ricrea, dedicato soprattutto alla sensibilizzazione dei più piccini sull’importanza del riciclo degli imballaggi d’acciaio che contengono il pesce in scatola.

Il 19 si è scvolto invece Walk’n eat, tour organizzato dagli studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche per i carruggi genovesi, alla scoperta dei sapori della città.

La giornata di sabato 20 è stata costellata di presenze e partecipazioni internazionali: Senegal, Tunisia, Danimarca, Francia, Finlandia, Giappone.

Slow Fish 2017 si è conclusa domenica 21 con due dei migliori interpreti della cucina di mare: Moreno Cedroni e Mauro Greco, occupati nella preparazione di una cena a quattro mani.

Ci vediamo l’anno prossimo con Slow Fish per porre l’accento sull’importanza di rispettare e preservare le risorse naturali legate al mare.

Facebook Commenti