Razza Highland: il primo bovino al mondo ad avere un pedigree

Razza Highland

La razza bovina Higland con le sue grandi corna e la folta ed ispida pelliccia, è originaria delle fredde e aspre terre scozzesi. La sua presenza è stata determinante per l’evoluzione e la civilizzazione di queste terre. Non è certa la sua data di nascita ma è certo che è stata la prima razza bovina ad avere un pedigree ed un libro genealogico redatto dalla Highland Cattle Society nel 1884.

Gli esemplari moderni sono il risultato dell’incrocio di due antiche razze asiatiche: il “Bos Longifrons” ed il “Bos Primigenius”. Dal primo esemplare la razza ha ereditato le caratteristiche corna mentre dal secondo il folto mantello peloso. Dall’Asia questo incrocio ha poi raggiunto le isole britanniche seguendo un naturale flusso migratorio. Inizialmente questo incrocio aveva dato vita a due esemplari diversi: le Kyloes, di taglia piccola e manto nero che si stanziarono nell’Ovest della Scozia e nelle isole, ed altri esemplari di taglia più grande e dal manto rosso che invece pascolavano nelle Highlands.

La successiva attività di selezione praticata dagli allevatori, ha unificato le caratteristiche morfologiche dei diversi esemplari, raggruppandoli sotto l’unico nome di Highland. I colori riconosciuti sono il rosso, il nero, il giallo dorato, il bruno ed il brindle, che corrisponde ad una mescolanza di pelo scuro e rosso. Nonostante questo intervento di selezione, però, la razza Highland, a differenza di molte altre razze bovine, resta quella che ha subito meno manipolazioni da parte dell’uomo, riuscendo in questo modo a conservare inalterate molte delle caratteristiche peculiari appartenenti ai primi esemplari che hanno popolato le isole britanniche.

L’adattabilità a qualsiasi clima e pascolo, la peculiare longevità, le scarse cure di cui ha bisogno per crescere e prosperare, la sua resistenza alle malattie, l’attitudine materna, e non ultima la tenerezza della sua carne, hanno determinato nei secoli una rapida espansione di allevamenti di Highland prima in America a partire dal XIX secolo, poi in Sud America, Europa ed addirittura in Australia.

Da qualche anno a questa parte anche l’Italia sta conoscendo una importante diffusione dell’allevamento di questa razza, soprattutto in Trentino alto Adige ed in Veneto.

Caratteristiche principali

La Higland è una razza di media grande statura, con grandi corna dalla caratteristica forma di lira ed un folto mantello dal pelo lungo ed ispido. Nonostante l’aspetto minaccioso, però, è un animale mansueto e pacifico cosa che rende molto semplice il lavoro di chi lo alleva.

Abituate ai climi rigidi delle terre scozzesi, le Highland riescono a mantenere delle ottime condizioni di salute anche all’aria aperta e con poco cibo. Si adattano molto bene sia ai climi freddi (sono state allevate perfino in Alaska) che a quelli più temperati e riescono a valorizzare anche i pascoli più poveri. L’introduzione allevamenti di Highland in zone agricole compromesse, infatti, ha contribuito sempre a garantire la sopravvivenza della biodiversità dei campi e delle aree destinate al loro pascolo.

Le Highland hanno una grande resistenza alle malattie, comprese quelle dettate dallo stress e sono considerati animali molto intelligenti.
Grazie al caratteristico folto e caldo mantello, la Highland non ha avuto bisogno di sviluppare grasso sottocutaneo per proteggersi dal freddo. La sua carne è quindi molto magra e povera di colesterolo.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti