Frutto autunnale per eccellenza: le Castagne

In un riccio con tante spine, trovato nel bosco fra le foglie cadute, si racchiude il frutto dell’autunno per eccellenza: la castagna.

E’ il prodotto che fa compagnia in tavola, che si lascia consumare davanti al camino acceso o semplicemente accompagnato da un bicchiere di vino rosso.

Diffuse in tutta Europa, in Italia le varietà presenti sono le castagne e i marroni.

Le castagne, più piccole, prendono la loro forma secondo la disposizione all’interno del riccio nel quale vengono custodite; i marroni invece, più grandi e utilizzate anche per la canditura, sono caratterizzate da un aspetto ben definito, quasi cuoriforme.

PROPRIETA’ DELLE CASTAGNE

Per anni, la castagna ha rappresentato il nutrimento di tante popolazioni, diventando il “pane dei poveri” e grazie alla sua possibilità di garantire una cospicua quantità di amidi all’organismo, i quali durante la cottura si trasformano in zuccheri semplici. Proprio per questo motivo le castagne sono controindicate a chi soffre di diabete e l’elevato contenuto calorico le rende poco adatte a chi segue una dieta ipocalorica.

Ricche di acqua, proteine e sali minerali quali potassio, sodio, magnesio, calcio, cloro e ferro, grazie alla vitamina B e al fosforo, rappresentano un buon alleato per favorire l’equilibrio nervoso mentre la cellulosa contenuta al loro interno, previene la stitichezza e le emorroidi.

Sono un perfetto alleato per chi pratica sport, data la quantità di glucidi che assicurano un elevato apporto energetico e sono utili per le donne in gravidanza dato il grande apporto di acido folico che riportano sull’organismo. Ricche di qualità antinfiammatorie, sono indicate negli stati febbrili mentre un impacco ottenuto con le bucce appena cotte ed applicato dopo lo shampoo, conferirà ai capelli una rinnovata lucentezza.

LE CASTAGNE IN CUCINA

Non solo proprietà nutrizionali e benefici per il nostro organismo poiché la castagna rappresenta un ingrediente versatile in cucina, per ricette dolci o salate, sostituendo molte volte anche la classica farina nelle preparazioni gluten free. Utilizzate per torte, biscotti o semplicemente cotte alla brace o in padella, nella versione tradizionale vengono cotte in acqua con un pizzico di sale, alloro e finocchietto.

Ma come pulire le castagne prima di utilizzarle?

Per quelle al forno bisogna intaccare la buccia esterna, lasciarle in ammollo in acqua per circa 30 minuti e successivamente cuocerle.

A seconda dell’utilizzo, la castagna, per la stragrande maggioranza dei casi, viene privata della buccia più esterna, quella marrone, e successivamente cotta con tutta la pellicina che la ricopre, la quale dopo la bollitura, potrà essere rimossa molto semplicemente. A tal punto le castagne possono essere utilizzate per dolci o ripieni per tacchini o conigli; mettendo le castagne nel passatutto, otterremo la classica farina utile per impasti.

 

Ricetta Umbra di Farro e Castagne

Ingredienti per 4 porzioni:

  • 160 g – di Farro Monococco
  • 200 g – di castagne prelessate con l’alloro
  • 500 ml – di  brodo vegetale
  • 50 g – di Pancetta
  • 1 un cucchiaio di pomodoro
  • Prezzemolo  e  aglio.

 

Sciacquate e bollite il farro  in acqua  per 30 min., scolatelo e lasciatelo da parte.

Scaldate 600 ml di brodo vegetale.

In una casseruola capiente, mettete 2 cucchiai di olio extravergine, aglio, salvia e metà della  pancetta a filetti.

Appena frigge, togliete l’aglio, unite le castagne a pezzi e schiacciate e mescolate per 5 min.

Unite il pomodoro e un poco alla volta il brodo.

Dopo  20 min. aggiustate il sale e il pepe e unite il farro lessato.

Fate sobollire la zuppa per ancora 20 min.

Infine fate rosolare il resto della  pancetta finché non sarà croccante, tritate il prezzemolo  e insieme a  un filo d’olio extravergine guarnite la vostra zuppa.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti