Le api ed il loro complicato rapporto con i pesticidi

api-pesticidi-foodscovery

L’utilizzo di pesticidi, come discusso nell’interessante articolo “Fotografia di un delitto ambientale: la minaccia dei pesticidi all’ambiente”, ha gravi ripercussioni sugli equilibri del nostro pianeta.

Tra le tante specie animali e non a pagarne le conseguenza ci sono le api;

I pesticidi, infatti, non solo ne riducono il livello di fertilità, abbassando di gran numero le possibilità di accoppiamento, ma ne accorciano anche la vita.

Si tratta di Thiametoxan e Clothiadin, due pesticidi neonicotinoidi che dal 2012 sono sottoposti a severe restrizioni dall’Unione Euopea, insieme ad un terzo insetticida di questa famiglia, l’Imidacloprid, ritenuti responsabili della moria degli insetti.

I neonicotinoidi, introdotti alla fine degli anni Ottanta, per sostituire quelli già esistenti ritenuti ancor più nocivi, uccidono i parassiti danneggiandone il sistema nervoso.
Durante uno studio condotto dall’Università di Berna e pubblicato dalla rivista Proceedings of the Royal Society B, è emerso quanto l’utilizzo di queste sostante danneggi la fertilità dei fuchi e la loro durata di vita.

I ricercatori hanno basato il loro studio, suddividendo le api in due gruppi: il primo da una parte, i quali fuchi  sono stati sottoposti ad enormi quantità di pesticidi, dall’altra invece, il secondo gruppo, con i fuchi non  soggetti ad alimenti contaminati.

Dopo trentotto giorni si è notato che la fertilità dello sperma dei fuchi del primo gruppo era del 39% inferiore e che gli insetti maschi esposti agli insetticidi hanno mostrato anche una minore durata di vita.

I fuchi raggiungono la maturità sessuale due settimane dopo la nascita, ma il 32% degli insetti esposti agli insetticidi neonicotinoidi non ha raggiunto quell’età, contro una percentuale del 17% dei fuchi nutriti con polline incontaminato.

L’EPA (Environmental Protection Agency – agenzia governativa ambientale statunitense), sta portando avanti diverse campagne per vietare l’uso di pesticidi tossici per le api, in primis i neonicotinoidi, bloccando temporaneamente l’utilizzo di alcuni di questi in ambienti all’aperto, fino a quando le ricerche non saranno completate.

La tutela della biodiversità e dei cicli naturali del nostro pianeta dovrebbero essere temi sempre attuali di fondamentale importanza per tutti i governi mondiali, ci auguriamo che la ricerca avanzi in tal senso e sia di supporto ad una governo progressivamente sempre meno miope in tema di sostenibilità ambientale.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti