La Bottega dell’Oliva Ascolana la tradizione fatta a mano

Ill_Fatto_FS_Bottega_Oliva_Ascolaottegana_243

Meta obbligata, per chi visita Ascoli Piceno, è la caratteristica Bottega dell’Oliva Ascolana. Un piccolo negozio in cui il tempo sembra essersi fermato e dove i segreti della ricetta tradizionale marchigiana si tramandano di generazione in generazione. Qui si possono assaggiare deliziosi cremini e quelle che Gianfranco Vissani ha definito le migliori olive ascolane artigianali della città.

preview FH

Sempre alla ricerca di prodotti di nicchia, Foodscovery non poteva certo lasciarsi sfuggire questi piccoli gioielli dal ripieno straordinario e dalla panatura leggera e croccante.

Il grande merito della Bottega dell’Oliva Ascolana è quello di aver restituito a questo straordinario prodotto la sua autentica dimensione artigianale, come insegna la tradizione. Lontani dalla fretta e dall’automatizzazione che regnano nel mondo dell’industria, questi artigiani del gusto realizzano un prodotto che ha tutto il sapore di una ricetta confezionata a mano con maestria e con materie prime eccellenti.

Ill_Fatto_FS_Bottega_Oliva_Ascolana_243

Quella delle olive ascolane è una storia lunga, che affonda le sue radici nel primo ‘800, quando la tipica e carnosa oliva Tenera ha incontrato per la prima volta un ripieno e una panatura che l’hanno resa celebre in tutta Italia, e non solo.

Conosciuta già ai tempi dei romani, presente sulle abbondantissime tavole di Trimalchione – decadente personaggio del Satyricon di Petronio – quest’oliva ha avuto tra i suoi estimatori persino Giuseppe Garibaldi che pare abbia addirittura provato a coltivarla a Caprera.

Con grande manualità, nella Bottega dell’Oliva Ascolana, ogni giorno vengono snocciolate, farcite e fritte ottime olive Tenere. Il tradizionale taglio a spirale che precede l’estrazione manuale del seme dell’oliva, è un momento particolarmente delicato. Nel cuore dell’oliva, vengono poi inserite carni scelte di manzo, suino e pollo e all’impasto si aggiungono Parmigiano Reggiano, uova e aromi.

bott

Le ‘live fritte – come le chiamano ad Ascoli – nel 2005 sono state riconosciute come DOP. Croccanti, morbide e saporitissime, le olive ascolane sono una tentazione alla quale, oggi come ieri, è assolutamente impossibile resistere.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti