Fave e buonumore

fave

Le fave sono legumi di colore verde brillante, di origine mediterranea e utilizzate sin dai tempi antichi. Vengono coltivate principalmente nelle zone meridionali della nostra penisola e nelle isole.

Si acquistano fresche in primavera e si trovano invece secche, durante tutto il corso dell’anno.

Saporite ed eclettiche restano sul mercato per poco tempo, scomparendo ai primi caldi. Per riconoscerne la freschezza occorre verificare che il baccello sia lucido, duro, croccante e di un verde deciso.

Si tratta di un prodotto favoloso, ricco di proteine e fibre, in grado si apportare all’organismo un grande contributo di vitamina B1, acido folico e minerali. Proprio per questa ragione sono consigliate nelle diete vegane. Grazie a queste proprietà le fave sono formidabili anche come aiuto nella perdita di peso. Sono molto indicate per le malattie cardiovascolari, poiché abbassano i valori del colesterolo, prevenendo inoltre il diabete e il cancro. Sono ottime per combattere artrosi e osteoporosi, per l’alto contenuto di manganese e regalano alla pelle un aspetto luminoso, grazie alla vitamina A.

La loro vera efficacia sta nel contenere la dopamina e l’epinefrina, che sono elementi presenti nel cervello e che permettono di avere buon umore e di allontanare malattie come il Parkinson. Inoltre proprio in virtù di queste sostanze, viene stimolata la parte di  sistema nervoso che lavora sulla ricompensa, il piacere e la formazione dei ricordi, favorendo un senso di benessere e felicità, che porta alla sostituzione di immagini negative con impressioni allegre e positive. Questa sostanza è una caratteristica peculiare delle fave, che favorisce il benessere e profuma di ottimismo.

Ma come fare ad acquisire tutte queste proprietà? Questo legume si presta ad ottime ricette in cucina e può essere gustato crudo, con un goccio d’olio e sale e con crostini abbrustoliti, in insalata, con tutti i tipi di verdura, in un risotto fresco, in una vellutata saporita, in zuppa e come piatto etnico (per esempio con bulgur e zenzero o associato ai felafel). D’estate è piacevolissimo come pesto per tagliatelle, come tortino freddo da mangiare camminando o cucinato con il pesce e i crostacei.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti