Cronache di un successo annunciato: l’ultima delle tre blind dinner #HOFAME

Il 15 luglio, l’ultimo atteso appuntamento delle tre blind dinner ideate e promosse da Foodscovery in collaborazione con il rinomato locale milanese Pisacco non ha fatto che confermare quella che era già una certezza: il grande successo dell’iniziativa che ha portato attorno a una tavola collettiva, imbandita con i migliori prodotti della gastronomia italiana, dei perfetti sconosciuti che hanno potuto approfittare dell’occasione per chiacchierare, conoscersi e godersi le delizie create dallo chef Fabio Gambirasi.

Un’idea, quella delle blind dinner, che ha conquistato il favore del pubblico tanto da rendere i dieci posti liberi merce rara e preziosa. Ma non solo: i commensali hanno particolarmente apprezzato la possibilità di scoprire e assaggiare prodotti tipici di alcune zone d’Italia come fossero stati catapultati d’improvviso ai quattro angoli del nostro Paese che, è noto, nel campo della cucina e della gastronomia non ha rivali. Infine, se questo non fosse stato già abbastanza per rendere le cene #HOFAME un evento del tutto speciale, la collaborazione con Foodscovery ha reso possibile ordinare e acquistare comodamente da casa, visitando il marketplace, tutti i prodotti che hanno risvegliato la curiosità non solo dei fortunati partecipanti, ma anche di coloro che ne hanno solo sentito parlare.

Per l’ultima serata lo chef Fabio Gambirasi ha dato il meglio di sé con un menu di terra dagli ingredienti ricercati e particolarissimi che coinvolgono tanti produttori provenienti da diverse zone d’Italia, dalla Sicilia alla Toscana, dal Lazio alla Puglia alle Marche.

Gli antipasti si aprono con deliziose olive ascolane della Bottega dell’oliva ascolana, famosa specialità marchigiana con olive verdi cultivar Tenera Ascolana, carne, formaggio, uova, il tutto avvolto da una leggera e fragrante frittura. Un’intensa tartare di manzo al tartufo nero, con carni selezionate da Bovinus Luxury, completano la serie e annunciano il primo: una carbonara con spaghetti alla chitarra impreziosita da un tocco di tartufo nero di Savini Tartufi che fa eco agli antipasti.

Protagonista del secondo è invece un piatto che rievoca la tradizione culinaria popolare, la musciska, listarelle di pregiato maiale nero Dauno insaporite con semi di finocchio e peperoncino, un tempo essiccate dai pastori del Gargano e consumate durante le transumanze. Lo chef Gambirasi ha reinterpretato per l’occasione la musciska di Selezione Sabbatino cuocendola sulla brace e accompagnandola con fagiolini metro. Il tutto con la costante presenza sulla tavola di una pregiatissima varietà di pane simbolo della città di Matera e prodotto IGP: si tratta del pane ”Mangiare Matera”, profumato, croccante e con una lunga tradizione alle spalle.

A questo punto non potevano mancare i dolci, e, in particolare, alcune specialità che per molti sono state una vera sorpresa. Parliamo innanzitutto dei cremini della Bottega dell’oliva ascolana, cubetti di crema pasticcera impanati e fritti secondo un’antica ricetta della tradizione picena. Una vera e propria ghiottoneria seguita a stretto giro dalle strepitose cassatine alla Siciliana della Pasticceria Campidoglio, suadenti cupolette di pasta martorana, canditi e ricotta.

Arrivate come per magia ad allietare le serate estive Milanesi, le blind dinner #HOFAME volgono dunque al termine. Almeno per il momento. Perché un tale successo, con tre cene sold out e commenti entusiastici di chi è riuscito ad accaparrarsi un posto, non può che far augurare una nuova futura collaborazione.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti