Come si sceglie la verdura fresca – i ravanelli e i cetrioli

Come scegliere la verdura fresca

ravanelli-magazine-foodscovery-come-fare

Le verdure sono ricche di fibre, acqua, vitamine e sali minerali, preziosi alleati per la nostra salute. Grazie al loro potere saziante ed allo scarsissimo contenuto di grassi e calorie, i nutrizionisti ne consigliano un consumo quotidiano a patto che si tratti di prodotti freschi e di ottima qualità, possibilmente biologici.
Vediamo insieme come scegliere la verdura giusta.

L’origine, prima di tutto

L’obbligo di indicare il Paese di provenienza del prodotto in etichetta è stata una conquista recente, ma di fondamentale importanza per i consumatori perché permette di escludere a priori i prodotti meno freschi. La scelta migliore sono i prodotti italiani per essere più sicuri di acquistare un prodotto fresco e di qualità. Le verdure Made in Italy non hanno dovuto affrontare un lungo viaggio per arrivare nei nostri mercati e mantengono quindi intatte le loro caratteristiche organolettiche, che sono le prime a deteriorarsi. La scelta di verdura Made in Italy sostiene l’economia agricola del nostro Paese e preserva l’ambiente.

L’importanza della Stagionalità delle verdure

Altro accorgimento importante è quello di consultare costantemente il calendario dei prodotti di stagione – reperibile facilmente nel web – che ci consentirà di acquistare i prodotti cresciuti secondo i ritmi della natura, la cui produzione e raccolta non ha impatti compromettenti sull’ambiente. Non tutti sanno, ad esempio, che per ottenere i pomodori in inverno si usano serre riscaldate, con un notevole costo in termini di dispendio energetico e ambientale. Questo per ogni altra verdura coltivata fuori stagione. Ogni regione ha le sue verdure locali e spontanee, acquistarle aiuta a mantenere viva la tipicità regionale.

Anche l’occhio vuole la sua parte

Un particolare non da poco per la scelta della verdura migliore è l’aspetto. La verdura deve essere sempre soda e non presentare ammaccature o foglie nere. Anche l’olfatto può venirci incontro: un prodotto fresco è profumato, non puzza né di muffa né di stantio.

La provenienza, la stagionalità, l’aspetto ed il profumo sono dunque la carta di identità della verdura, gli indizi più evidenti della loro qualità. Ma da soli non bastano ad evitare un acquisto sbagliato. Quante volte ci siamo lasciati abbindolare dall’aspetto perfetto di una verdura che, al momento del consumo, si è rivelata una vara delusione? Come fare quindi?

Forse non tutti sanno che ogni verdura ha il suo personale indicatore di qualità. Uno o una serie di piccoli indizi peculiari che ci aiuteranno a concretizzare o a rinunciare all’acquisto.

In tema di verdure di stagione, il rapanello (o ravanello) è una radice largamente diffusa in Italia. Le varietà presenti nei nostri mercati sono la “cherry belle” e “saxa” – la più comune con una forma tonda e rossa –  e le candele di ghiaccio e di fuoco, che presentano una forma allungata e sono rispettivamente di colore bianco e rosso.

Per entrambe le varietà il principale indicatore di qualità è costituito dalla grandezza che non deve superare i 2/3 centimetri di diametro per quelli tondi, ed i 3/4 cm di lunghezza per i lunghi. Superata questa dimensione perdono il loro sapore e la loro croccantezza. Il colore deve essere brillante e vivo privo di macchie giallognole e le foglie devono essere fresche.

Altro protagonista della verdura di questa stagione è il cetriolo che come il rapanello si consuma crudo, normalmente affettato in insalate miste. Anche per il cetriolo in Italia troviamo due varietà: a “frutto grosso” ed a “frutto piccolo”. Quest’ultimo viene principalmente utilizzato per la preparazione di sottaceti. Gli indicatori di qualità del cetriolo sono: la dimensione, non deve avere un diametro troppo largo; il colore: deve essere di un bel colore verde brillante e vivo; la consistenza: deve essere sodo in tutta la sua lunghezza. Quando i cetrioli diventano vecchi, le loro estremità raggrinziscono ed il loro colore acquista una tonalità giallognola.

Pronti per i prossimi acquisti?

 

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti