Quinoa Burgers – come prepararli

quinoa-magazine-foodscovery

Questo speciale “non” cereale entrato nella top ten dei superfood, adatto ad ogni tipo di dieta compresa quella per i celiaci essendo gluten free, ricca di proteine, calcio, fibre e di aminoacidi essenziali per il funzionamento dell’organismo, ha anche il pregio di essere un alimento estremamente versatile in cucina.

In natura esistono 3 diverse varietà di quinoa che si contraddistinguono unicamente per il colore dei loro chicchi rossi, gialli o neri. Il sapore non cambia e le varietà possono essere indistintamente utilizzate per la preparazione di piatti sia dolci che salati, in quanto il gusto della quinoa si adatta tranquillamente a gusti differenti.

In commercio la quinoa si trova sotto forma di chicchi essiccati, farina o chicchi soffiati.

I chicchi sono i più versatili. Possono essere utilizzati, previa cottura, per la preparazione di stuzzicanti insalate, originali primi e secondi piatti e dolci. Utilizzando insieme le diverse varietà si può dare libero spazio alla propria fantasia e realizzare coloratissimi piatti per un pranzo o una cena ad effetto.
La quinoa cotta può essere utilizzata in abbinamento a verdure e legumi oppure per preparare irresistibili crocchette o burger vegetali. Può essere utilizzata, unita a qualche cappero e qualche oliva, anche come originale ripieno per le verdure come pomodori, peperoni, zucchine e melenzane.

Per le preparazioni dolci si possono ad esempio ottenere dei deliziosi dessert al cucchiaio abbinando la quinoa cotta alla frutta fresca o secca, come ad esempio mele, pere, uvetta, nocciole o noci per ottenere dei piccoli dessert al cucchiaio. I chicchi di quinoa già cotti possono essere aggiunti al muesli della colazione per arricchire di proteine la nostra giornata. Infine i chicchi di quinoa sono ottimi se aggiunti alle zuppe.

La farina, ottenuta dalla macinazione dei chicchi, completamente priva di glutine, è particolarmente indicata per la realizzazione di dolci ma può essere utilizzata anche per ricette salate. È bene tener presente che la farina di quinoa ha uno scarso potere lievitante. Per questo motivo è spesso utilizzata per la preparazione di croccanti biscotti dal bassissimo contenuto di grassi e di zuccheri.

I chicchi soffiati possono impreziosire uno yogurt magro a colazione o a merenda, oppure essere aggiunti al latte per renderlo più goloso.

Adesso che sappiamo tutto sulla quinoa, vediamo come preparare i quinoa burgers:

quinoa-burgers

Burger di quinoa

Ingredienti:

  • 100 g di quinoa;
  • 200 g di acqua;
  • 100 g di fagioli cannellini già cotti,;
  • 1 cucchiaio di fecola di patate;
  • 1 cucchiaio di acqua (per addensare e legare, in sostituzione delle uova);
  • mezza cipolla rossa;
  • mandorle (o altra frutta a guscio);
  • spezie a piacere.

Preparazione:

Sciacquare bene la quinoa sotto acqua corrente, metterla in un tegame con abbondante acqua e portare ad ebollizione.

Cuocere per 15 minuti, spegnere la fiamma, lasciare riposare i chicchi per altri 10 minuti e sgranarla con l’ausilio di una forchetta.
A parte frullare i fagioli con la cipolla, il sale e le spezie, le mandorle tritate e la fecola di patate stemperata in acqua, fino ad ottenere un composto corposo e facilmente lavorabile.

Unire il composto così ottenuto alla quinoa, mescolare fino ad amalgamare bene gli ingredienti e regolare di sale.

Formare dei burger della misura desiderata e cuocerli, 2 o 3 minuti per lato, in un tegame antiaderente con un filo di olio Evo fino a che non saranno ben dorati.

 

 

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti