Cocktail dell’estate

cocktailitaliani1

Noi italiani, si sa, siamo sempre stati forti col vino: magari un buon rosso, fra i colli toscani o le Langhe piemontesi. Buoni sì, ma in spiaggia? Nonostante tutti i nostri difetti, sul food & beverage siamo sempre stati molto creativi: ecco cosa bere all’happy hour sulla sabbia.

I cocktail vanno, vengono e tornano, quasi peggio della moda. Dai colori, ai profumi, passando per l’estetica, le guarnizioni dei bicchieri e i mille accessori per prepararli. La mixology non dà tregua e nonostante sia stata scoperta da poco si affretta a creare, offrendo fantasia, sapore e svago in un solo bicchiere.

Cosa chiedere al banco del chiosco di fiducia allora? Fra i chiringuitos vari ed eventuali del nord Italia, negli ultimi mesi, sulle liste comparivano a grande richiesta l’Hugo e il Gin Fizz. Originario dell’Alto Adige, l’Hugo è nato nel 2005 come alternativa allo Spritz, che si gusta in prosecco, sciroppo di sambuco, foglie di menta e scorza di limone. Il Gin Fizz è un po’ più anni ’80 e decisamente meno sobrio: gin, succo di limone fresco, sciroppo di zucchero e soda. Più deciso, più pesante, più alcolico.

Se siete tra quelli per cui Hugo e Gin Fizz sono solo ricordi, vi consigliamo allora le invenzioni dei miglior bartender italiani. Federico Tommasseli, miglior bartender 2015, propone il suo Cuban Saint: Bacardi Superior, Frangelico, 5 gocce di assenzio, succo lime, zucchero bianco di canna e pimento, un’esplosione di passione che scende giù per la gola. Massimo Stronati invece rivisita il tradizionale Daiquiri a cui si aggiunge un liquore italiano alla camomilla della distilleria Quaglia, un ottimo incontro tra classico e locale. La Hora Feliz di Silvia Ghioni è un nome e un programma: Bacardi, Martini Gran Lusso, Frangelico e qualche goccia di cioccolato e nocciola, magari di sera, in una spiaggia intima e illuminata dalla luna.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti