Brodo di giuggiole: origine e preparazione

Il brodo di giuggiole è un liquore tipico di Arquà Petrarca, paese sui Colli Euganei in Veneto, dove la diffusione dell’omonimo albero è ancora comune, tanto che nel mese di ottobre, da oltre trent’anni, si celebra la festa delle giuggiole.

Il brodo di giuggiole è di colore rosso, con un gusto pieno e rotondo ed una bassa gradazione alcolica. È ottimo come dopocena e come digestivo a fine pasto. È ricco di vitamina C, zuccheri, potassio e magnesio.

Le Origini del brodo di Giuggiole

Questo liquore ha un’origine antichissima: si narra infatti nell’Odissea che Ulisse e i suoi uomini viaggiando per mare approdarono dopo una tempesta all’isola dei Lotofagi.

Questo popolo accolse i navigatori offrendo loro un frutto magico che fece perdere a tutti la memoria. Ulisse fu così costretto a caricare a forza il suo equipaggio sulla nave per evitare che dimenticassero la patria, le mogli e i figli.

Il frutto magico di cui parla Omero sembrerebbe essere quello del giuggiolo, proprio perché dalle giuggiole si ricava la famosa bevanda alcolica che avrebbe offuscato la mente lucida dei navigatori.

Anche la sua preparazione è molto antica. Era infatti consuetudine per le famiglie contadine di Arquà mettere la frutta matura, e in particolare le giuggiole appassite, in vasi e recipienti per ottenere tramite infusione il liquore.

La Ricetta del brodo di giuggiole

La ricetta originale del liquore rimane però un segreto, sebbene esistano diverse varietà casalinghe.

Per una preparazione domestica è sufficiente seguire qualche semplice passaggio, anche se la ricetta richiede un paio d’ore.

Mettere in una casseruola con acqua tiepida le giuggiole lavate e private dei noccioli, aggiungere delle mele sbucciate e tagliate a fettine sottilissime, unire della scorza di limone, un po’ di zucchero e dei chicchi d’uva.

Bisognerà poi cuocere il composto per circa un’ora su fiamma bassissima, aggiungere vino rosso e lasciare il tutto sul fuoco per una mezz’ora abbondante.

Filtrare poi il liquido attraverso un colino a maglie fini, versare il composto in una bottiglia e lasciar riposare in un luogo fresco per qualche giorno prima di consumarlo. Otterrete così un brodo di giuggiole home made da gustare dopo cena e da far provare agli amici.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti