Prodotti di stagione: la barbabietola rossa

 

La barbabietola rossa (nome scientifico Beta vulgaris) è una pianta erbacea a ciclo “biennale”(un anno accumula nutrienti nella radice e l’anno successivo sviluppa il fusto in superficie).

L’utilizzo a scopo alimentare di tale pianta, risale a tempi antichissimi, addirittura all’epoca della civiltà babilonese. Se ne consumano principalmente le radici a tubero, dalla forma arrotondata e dal colore rosso brillante.

Composta principalmente da acqua, proteine, grassi, fibre, zuccheri e carboidrati, la barbabietola rossa presenta all’interno una grande quantità di ferro, magnesio, selenio, potassio e fosforo. È ricchissima di sali minerali quali sodio, calcio, potassio, magnesio, fosforo e contiene molte vitamine del gruppo A, B e C. Sia il tubero che le sue foglie, custodiscono antiossidanti e flavonoidi utili per proteggere l’organismo dai radicali liberi.

È ricca di zuccheri e quindi sconsigliata per i diabetici. Consigliata invece per i bambini e soggetti anemici per la presenza di  ferro e sali minerali. Ha proprietà rinfrescanti e depurative: facilita infatti l’eliminazione di tossine dal nostro organismo. Il particolare colore rosso delle radici, è dovuto dalla presenza di un vero e proprio colorante naturale, l’E162, utilizzato nell’industria alimentare per modificare l’aspetto di alcuni alimenti.

Contiene inoltre acido folico, utile per la rigenerazione del sangue e a rinforzare i capillari, mantenendo in salute il sistema circolatorio in unione con altre vitamine del gruppo B. Tale sostanze, sono utili anche per combattere la depressione e stimolare il cervello alla produzione di serotonina.

Tanti benefici racchiusi in una sola pianta. Ma come cucinare questo prodotto dalle molteplici proprietà?

L’ideale è consumarla cruda,  tagliata a pezzettini o semplicemente grattugiata e condita con succo di limone e un filo d’olio EVO. Un’altra soluzione è quella di cuocerla al vapore o saltarla  in padella con spezie, erbe aromatiche, olio e sale. Si consigliano in generale cotture veloci così da non alterarne troppo le proprietà benefiche. In commercio è solito trovare le barbabietole rosse già precotte e messe sottovuoto ma anche fresche, corredate delle loro foglie verde scuro (buonissime! ripassate in padella o tagliate sottili ad insalata) e ultimamente anche in succo, puro o mixato con frutta, per fare il pieno di energia ogni giorno.

Per i bambini, potrete preparare un risotto a base di barbabietole oppure una crema, cuocendole nel brodo vegetale e poi passando il tutto o proporle in una versione dolce aggiungendole a yogurt e miele, con semi misti o nocciole tostate. Non solo presenterete piatti a base di un ingrediente buono e ottimo per la salute ma anche molto scenografici e piacevoli alla vista…

 

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti