Alimentazione in gravidanza

Adottare un’alimentazione corretta ed ecquilibrata durante la gravidanza, costituisce uno degli aspetti più importanti per poter vivere al meglio questo delicato periodo. L’organismo è chiamato a far fronte non solo ai bisogni nutritivi della mamma ma anche a garantire una corretta crescita del feto.
I cambiamenti ormonali a cui è soggetta una donna durante la gravidanza, infatti, incidono in modo rilevante anche sul suo sistema immunitario riducendone la capacità di resistenza ad alcune patologie infettive. Tra queste, le più note e comuni sono la Toxoplasmosi, causata da Toxoplasma gondii (un protozoo presente in alcuni alimenti crudi o poco stagionati) e la Listeriosi, causata da cibi pronti al consumo contaminati con batteri della specie Listeria monocytogenes.

Gli alimenti da consumare in gravidanza e quelli da evitare:

Formaggi e latticini
Il consumo di latticini durante la gravidanza è fortemente consigliato per l’elevato contenuto di proteine e calcio che apportano all’organismo. I formaggi in commercio subiscono un processo di pastorizzazione in grado di eliminare eventuali patogeni, tuttavia bisogna fare attenzione a consumarli velocemente, poichè alcuni batteri, come la Listeria, possono comunque svilupparsi durante la conservazione domestica a basse temperature, come ad esempio nel frigo di casa. I formaggi che più facilmente vengono contaminati dalla Listeria sono quelli molli o semi molli come il brie, il gorgonzola o il camembert; mentre quelli stagionati, come il parmigiano, il pecorino o il grana, considerate le particolari caratteristiche di durezza e acidità, non consentono lo sviluppo di tali microrganismi e si possono consumare tranquillamente.

Il latte pastorizzato e lo yogurt sono alimenti sicuri se consumati entro pochi giorni dall’apertura della confezione, mentre è assolutamente sconsigliato bere latte crudo acquistato sfuso in cascina o appena munto o alimenti prodotti con latte crudo non pastorizzato.

Il pesce
Ricco di proteine di alta qualità, di acidi grassi polinsaturi Omega 3 e povero di grassi saturi, il pesce è un alimento che non andrebbe mai evitato durante la gravidanza. Tuttavia, soprattutto nei pesci di grande taglia, come il pesce spada o il tonno, e nei molluschi, è facile trovare tracce di mercurio, elemento dannoso sia per la madre sia per il bambino e vanno, per questo, evitati.

Il salmone, il merluzzo, la trota, la platessa ed il tonno in scatola invece, possono essere consumati tranquillamente. Il consumo di molluschi crudi va evitato in quanto possono contenere il virus della Salmonella e quello dell’Epatite A.

Le uova
Sono un ottimo alimento se consumate ben cotte, mentre vanno evitate le uova alla coque, l’uovo all’occhio di bue e le uova crude. Non è consigliato il consumo della maionese o di salse fatte in casa mentre quelle industriali sono sicure in quanto prodotte con uova pastorizzate.

La frutta e la verdura
Ricche di vitamina C, acido folico e vitamina B1, frutta e verdura sono fondamentali per corretto sviluppo del bambino ma è importantissimo consumarle solo dopo attento ed accurato lavaggio.

La carne
La carne è un alimento importante per la crescita e lo sviluppo del feto e può essere consumata senza problemi ovviamente in quantità limitata o sotto indicazione del medico a seconda del fabbisogno. Va comunque consumata ben cotta; da evitare quindi le cotture medie o al sangue, la carne cruda o affumicata.

I salumi
I salumi come i salami stagionati, il prosciutto crudo, la bresaola, lo speck, la coppa, il culatello e la pancetta o la carne salata possono essere consumati senza timore solo se hanno subito un periodo di stagionatura superiore ai 30 gg. Mentre i salumi cotti come il prosciutto cotto, la mortadella, la porchetta, lo zampone e il cotechino, vanno consumati con moderazione ed immediatamente dopo l’acquisto.

Pasta, riso e cereali                                                                                                                                                                            Possono essere consumati anche tutti i giorni, sebbene in quantità moderata e preferibilmente a pranzo. Pasta, pane, riso e cereali sono ottimi “energizzanti”, costituiscono infatti i carboidrati (zuccheri complessi da preferire a quelli semplici) indispensabili ad una dieta equilibrata tanto quanto gli altri nutrienti. Esistono moltissimi tipi di cereali, tutti ricchi di fibre, aminoacidi, ferro, potassio, selenio, magnesio in quantità variabile e per assumerle tutte, sarebbe bene alternarne il consumo.

Attenzione perciò alla alimentazione in gravidanza scegliendo accuratamente i prodotti da consumare e modificando in parte le vostre abitudini alimentari, almeno fino a al momento del parto.

Autore: Foodscovery

Foodscovery è il mercato online che permette a chiunque di poter ordinare tesori dell’enogastronomia direttamente dai piccoli produttori custodi delle tradizioni locali.

Il progetto Foodheroes nasce dalla community di piccoli produttori, ristoratori, consumatori consapevoli e tutti coloro i quali condividono i nostri valori e che ogni giorno sono attivi per preservare la sostenibilità del mondo agroalimentare locale.

Facebook Commenti