Filetti di ventresca di tonno – 200 gr

17,60

200 gr

7 disponibili

Descrizione

Descrizione

Filetti di ventresca di tonno in olio di oliva extravergine, conservati sotto vuoto in vasetto di vetro.

Il tonno alletterato ha un corpo fusiforme, allungato nei giovani esemplari e più massiccio negli adulti. Il dorso è di colore azzurro scuro mentre il ventre ha una tonalità bianco madreperla. Può raggiungere un peso di 15 kg e una lunghezza di 1 metro.
Abbastanza diffuso nel mare Mediterraneo, in acque aperte e nelle zone costiere, si nutre di pesci e cefalopodi e si riproduce in primavera-estate.
La caratteristica del tonno è quella di essere un pesce a sangue caldo. Questo conferisce alle sue carni il colore rosso vivo, che denota la freschezza della carne.
Pescato dalle marinerie di: Catania, Portopalo di Capo Passero, Mazara del Vallo e comparto del messinese con sistemi di pesca ecocompatibile.
La Cooperativa del Golfo ha un particolare rispetto per i tempi di proliferazione e crescita del pesce. I pescherecci operano nel pieno rispetto delle norme di tutela ambientale e con l’obiettivo di valorizzare il pescato locale, attuando una rigorosa selezione del pesce fresco di volta in volta disponibile nelle diverse stagioni.
Ingredienti:
tonno alletterato, olio extravergine d’oliva, sale marino.

Spedizione & Consegna
Tutte le nostre spedizioni vengono effettuate entro 24 ore dalla ricezione dell'ordine. Per salvaguardare l'integrità del prodotto la spedizione avviene con corrieri refrigerati nel pieno rispetto della catena del freddo. I tempi di consegna : 48/ 72 ore
Produttore: COOPERATIVA DEL GOLFO Soc. Coop. Srl
La cornice è quella del golfo di Catania: un arco che va da Capo Mulini a Capo Santa Croce, nel comune di Augusta. Una porzione di mare tutelata in parte dalla Riserva Naturale Marina delle Isole Ciclopi e solcata ogni giorno dalle piccole barche dei pescatori del golfo. Qui, secondo la stagione, si pescano aguglie, spigole, tonni, triglie, sgombri, e masculini. I pescatori li chiamano anche anciuvazzu o ancora anciuvurineddu: molti nomi per le piccole, guizzanti acciughe, le stesse catturate dai liguri e dalle menaidi cilentane. Le stesse che, diceva padron ’Ntoni ne I Malavoglia, «sentono il grecale ventiquattr’ore prima di arrivare, (…) è sempre stato così, l’acciuga è un pesce che ha più giudizio del tonno».