In arrivo

Piselli centogiorni del Vesuvio al naturale

11,70

Vaso in vetro 280g

Esaurito

Descrizione

Descrizione

Il Pisello Centogiorni è molto apprezzato per le sue proprietà organolettiche quali l’estrema dolcezza e la consistenza tenera della buccia, anche allo stadio secco. Il suo nome è legato alla durata media del ciclo produttivo. Tutte le fasi sono manuali, dalla semina (a file singole) alla raccolta dei baccelli freschi. Questo legume è coltivato nell’area del Vesuvio da almeno un secolo, fino agli anni ’70 questa varietà era molto diffusa poi è iniziato un progressivo declino. Il Presidio Slow Food ha fatto rinascere la produzione riportandolo sul mercato. In cucina è un ottimo ingrediente nelle ricette di carne ma soprattutto al re della cucina napoletana: il baccalà. E ovviamente sono l’ingrediente cardine della minestra di pasta e piselli napoletana (i piselli sono fatti cuocere con cipolla e pancetta prima di aggiungere i classici tubetti o pasta mista).

Scadenza: 1/2022
Ingredienti:
Piselli Centogiorni, acqua, sale.

Valori nutrizionali medi per 100g di prodotto: Energia 350KJ 84Kcal/Grassi 0,22g di cui saturi 0,039g/Carboidrati 15g di cui zuccheri 6g/Proteine 5,5g/Sodio 0,15g

Spedizione & Consegna
Tutte le nostre spedizioni vengono effettuate entro 24 ore dalla ricezione dell'ordine. Per salvaguardare l'integrità del prodotto la spedizione avviene con corrieri refrigerati nel pieno rispetto della catena del freddo. I tempi di consegna : 48/ 72 ore
Produttore: Slow Food Vesuvio
L'area del Vesuvio è uno scrigno di biodiversità: il mare, la montagna, il vulcano, la varietà dei luoghi, gli splendidi scorci naturalistici, le tante specie di piante, animali, minerali, i tanti paesi ognuno con la propria storia e tradizione, rendono quest'area unica e affascinante. Il Vesuvio è uno dei vulcani più studiati e conosciuti del mondo. Simbolo della città di Napoli e di tutto il territorio circostante con la sua sagoma inconfondibile, ha una tipica forma tronco-conica il cui punto più alto raggiunge i 1.277 m s.l.m. Le prime presenze attestate dell’uomo nell’area vesuviana risalgono circa al terzo millennio a.C.: si tratta dunque di un territorio fortemente e lungamente antropizzato, sfruttato per la grande fertilità della sua terra e per le opportunità che questo offriva. I terreni lavici ricolonizzati e ristabiliti hanno costituito, e costituiscono tuttora, ottimi suoli per le coltivazioni, il pascolo e altre attività legate alla produzione agricola e forestale. Slow Food Vesuvio nasce per salvaguardare e tutelare la biodiversità dell’area del Vesuvio e in particolare per tutelare la dignità dei sapori locali, delle tradizioni che permettono alla biodiversità vesuviana di continuare a esistere. In occasione di Terra Madre Salone del Gusto 2020 i produttori dei Presidi di quest'area si mettono insieme per proporre i loro prodotti e regalarvi profumi e sapori di questa terra.