In arrivo

Papaccella all’aceto

13,35

Barattolo in vetro 1062g

Esaurito

Descrizione

Descrizione

La Papaccella napoletana è un peperone, dalle bacche tondeggianti schiacciate ai poli con presenza di costolature longitudinali, a maturazione commerciale sono di colore giallo o rosso o verde. Il frutto di dimensioni variabili con diametro che varia dagli 8-10 cm, presenta polpa croccante, soda, dolce e profumata. Il profumo è particolarmente intenso, con note fresche ed erbacee. La dolcezza della polpa è l’elemento peculiare che distingue la papaccella da altre varietà di aspetto simile ma dal gusto decisamente piccante. La papaccelle sono uno degli ortaggi tradizionali più rappresentativi della gastronomia napoletana infatti, la papaccella napoletana è famosa nella sua versione sotto aceto, che la rende disponibile tutto l’anno. Ci sono poi “le papaccelle ‘mbuttunate” che sono una variante della ricetta dei peperoni imbottiti napoletani. Sono anche molto utilizzate nella famosa “‘nzalata ‘e rinforzo”, piatto tipico del periodo natalizio.

Scad. 31/12/2021
Ingredienti:
Ingredienti: Papaccella napoletana, aceto, acqua, sale e foglie di alloro.

Tabella nutrizionale (100g): Energia 820kj, 196 Kcal Grassi 0g di cui saturi 0g Carboidrati 3,9g di cui zuccheri 0g Proteine 1,3g Sale 0g

Spedizione & Consegna
Tutte le nostre spedizioni vengono effettuate entro 24 ore dalla ricezione dell'ordine. Per salvaguardare l'integrità del prodotto la spedizione avviene con corrieri refrigerati nel pieno rispetto della catena del freddo. I tempi di consegna : 48/ 72 ore
Produttore: Slow Food Vesuvio
L'area del Vesuvio è uno scrigno di biodiversità: il mare, la montagna, il vulcano, la varietà dei luoghi, gli splendidi scorci naturalistici, le tante specie di piante, animali, minerali, i tanti paesi ognuno con la propria storia e tradizione, rendono quest'area unica e affascinante. Il Vesuvio è uno dei vulcani più studiati e conosciuti del mondo. Simbolo della città di Napoli e di tutto il territorio circostante con la sua sagoma inconfondibile, ha una tipica forma tronco-conica il cui punto più alto raggiunge i 1.277 m s.l.m. Le prime presenze attestate dell’uomo nell’area vesuviana risalgono circa al terzo millennio a.C.: si tratta dunque di un territorio fortemente e lungamente antropizzato, sfruttato per la grande fertilità della sua terra e per le opportunità che questo offriva. I terreni lavici ricolonizzati e ristabiliti hanno costituito, e costituiscono tuttora, ottimi suoli per le coltivazioni, il pascolo e altre attività legate alla produzione agricola e forestale. Slow Food Vesuvio nasce per salvaguardare e tutelare la biodiversità dell’area del Vesuvio e in particolare per tutelare la dignità dei sapori locali, delle tradizioni che permettono alla biodiversità vesuviana di continuare a esistere. In occasione di Terra Madre Salone del Gusto 2020 i produttori dei Presidi di quest'area si mettono insieme per proporre i loro prodotti e regalarvi profumi e sapori di questa terra.